Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale
olivetisciacchitanoenpamAlberto Oliveti magnifica sempre le opere dell'Enpam che gestisce incontrastatamente da circa un ventennio. Prima come vicepresidente poi come presidente. Con il risultato che lui, Alberto Oliveti, percepisce oltre mezzo milione di euro anno per le sue prestazioni quale presidente della Fondazione Enpam. Esattamente, parole sue, seicentotrentaseimila euro! Gli scritti alla Fondazione e che la Fondazione mantengono in vita, alcuni, troppi, non arrivano a duecento euro di pensione mensile dopo oltre quarantanni di contribuzione obbligatoria e senza nemmeno la tredicesima. Ergo un compenso pensionistico annuo di circa, per troppi medici, duemilacinquecento euro!
Questa è una nazione veramente dopo tutto può essere. Senza "scuorno" direbbe il popolo campano. Dove gli scrittori da tastiera whatsapp in collegamento costante e continuo con Luca Palamara ai vertici della magistratura hanno fatto e fanno ancora il bello e cattivo tempo. E parliamo di magistrati. E noi in tanti oppositori di un certo andazzo veniamo giudicati da magistrati che sono stati sul libro Palamara.Una tragica barzelletta!
oliveti diritto di cronacaIl dr. Alberto Oliveti ama i media e sta sempre in “prima serata”. Ma si scaglia contro la giornalista medico e i suoi articoli che non lo osannano. Cioè contro di me e J’Accuse...!
( www.jeaccuse.eu )
Articoli documentati di cui chiede l’oscuramento di ben 61 tra cui molti che riguardano il caso del Dr. Michele Nardi. Mi querela. Alcuni trattano di altro dove il sommo presidente "è assente". Ma ordina ai piemme di oscurare anche quelli. Giunto nuovo avviso di garanzia.
Nel suo piccolo e con modesta anche il notaio Andrea Mosca mi denuncia e querela per un solo articolo. Per ora.
tarocchitrisJPG
Partiamo da un articolo del 2 Marzo 2020. Vogliamo ripassare un poco questa storia? Per chi già la conosce può approfondirla. Per chi non la conoscesse credo sia importante apprendere come vanno certe cose in Italia. Enpam - Alberto Oliveti infanga il Dr. Michele Nardi il pm che lo aveva mandato a processo ed è stato messo in carcere sulle dichiarazioni di un "pentito" condannato a sei anni per usura e senza che le sue dichiarazioni abbiano alcun riscontro
Nella letterina spedita il 25 febbraio 2020 dal presidente Enpam dr. Oliveti Alberto, a tutti gli ordini dei medici d’Italia alle confederazioni e sindacati, ci sono frasi che non solo affermano eclatante mente il falso quindi calunniose ma anche infamanti verso di me, e gettano ombre lunghe sul mio avvocato e sul magistrato che aveva osato indagare su di lui e chiesto il processo. Contro professionisti nell’esercizio delle loro funzioni. L’avvocato e il magistrato. Pubblici ufficiali. E perché mai? Cui prodest? L’esimio pluripresidente con circa un milione di euro l’anno tra una presidenza e l’altra si vanta che
310EE5AE ECC6 40C5 A976 918857CB0B8CAmici io sono in trincea. Non vi sto a raccontare la mia battaglia contro gli abusi dei vertici enpam. E della cricca collegata. Abusi e crimini verso me medico in difesa dei miei diritti calpestati e in rappresentanza dei vostri diritti calpestati.
7439ED3F 427C 40E4 BCB5 7180F4ABDAB5Nel titolo viene riportata la definizione che dà di sè stesso il notaio "pilota per passione e per diletto" già magistrato. E con orgoglio si definisce un "grandissimo rompiscatole per vocazione". Sue le definizioni e per questo non potrà ancora fare esposti in quel tribunale civile dove è ricorso nell'ottobre scorso. In quel tribunale dove il magistrato ha emesso un'ordinanza severissima contro me medesima rea di avere detto la verità e avere usato toni soavi verso il notaio pilota già magistrato ma che il sensibile notaio Mosca non ha gradito. Si è lagnato con un esposto presentato non al tribunale penale, per i reati ravvisati, presunta diffamazione e calunnia, ma alla sezione civile...
Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.